Una buona crema solare

Una buona crema solare

Una buona crema solare.

L’estate è il momento in cui poter godere del contatto diretto con il sole e abbronzarsi, ma l’esposizione al sole comporta molti rischi per la nostra pelle per cui non va sottovalutato.
Usare una crema protettiva dovrebbe metterci al sicuro.
Le creme solari non sono tutte uguali, né efficaci allo stesso modo nel proteggere la pelle dai raggi ultravioletti A e B.
Essendo così importante difendere la barriera esterna del nostro corpo, è bene quindi scegliere prodotti sicuri.

Gli indici solari, o Sun Protection Factors (Spf o Fp) esprimono la capacita delle creme solari di difendere la pelle da scottature ed eritemi causate dai raggi UVB. Tecnicamente, gli indici non sono altro che la rappresentazione di una regolamentazione internazionale che riproduce il coefficiente moltiplicatore del tempo necessario per scottarsi senza protezione .
Se si decidesse di non applicarsi alcuna protezione, è importante essere consapevoli che dopo 10 minuti si inizierà a correre il rischio di bruciarsi.
Conseguentemente, l’utilizzo di un ipotetico fattore di protezione 50, implicherà che il tempo per prevenire la scottatura non sarà più di 10 minuti, ma bensì di 500 minuti.

spf-sunscreen.

spf-sunscreen.

Cosa deve avere una crema solare, come deve essere?

Da un punto di vista cosmetologico in genere una crema contiene un filtro solare, una serie di sostanze che danno consistenza, stabilizzano il prodotto, permettono di resistere all’acqua e al sudore, permettono un veloce assorbimento e al contempo buona durata del filtro sulla pelle senza alterarsi.

i filtri chimici, quali salicilati, cinnamati, oxybenzone, octylcrylene, oltre a rivelarsi più inquinanti per l’ecosistema marino, tendono ad assorbire le radiazioni solari per restituirle ad un più basso livello energetico a seguito di complesse reazioni chimiche; ma possono coprire tutto lo spettro delle radiazioni (UVA,UVB e UVC).

i filtri fisici o minerali, invece, comportano un ridotto impatto ambientale e riflettono fisicamente i raggi solari. Sono rappresentati in genere l’ossido di zinco (zinc oxide) e il biossido di titanio (titanium dioxide) , sostanze stabili se esposte al sole, che offrono una protezione efficace sia dei raggi UVA che UVB e non hanno bisogno di additivi pericolosi, sebbene diano alla pelle una colorazione bianca.

Ricercatori e dermatologi sono concordi nel ritenere importantissimo che una crema efficace debba schermare sia i raggi UVB – principali responsabili delle scottature – che UVA. Bisogna quindi considerare che la nostra crema contenga filtri per entrambi i tipi di raggi.

Per fare una scelta oculata e orientarti nella vasta gamma di creme solari puoi chiedere sempre un consiglio in farmnacia!

Related posts

Giornata Benessere dei piedi

Giornata Benessere dei piedi

Giornata Benessere dei piedi Prendersi cura dei nostri piedi è molto importante: essi influenzano tutto il corpo.   Con l’arrivo del freddo i piedi  vengono rinchiusi dentro scarpe e calzini limitando enormemente la loro libertà di movimento e la traspirazione…. Per combattere il senso di gonfiore e stanchezza che si manifesta la sera al rientro

Nutrizionista  in Farmacia

Nutrizionista in Farmacia

Nutrizionista in Farmacia Dopo le feste….qualche kg di troppo? Un buon controllo dello stato nutrizionale, dell’idratazione e dello stato di salute generale è ritenuto il top per intervenire in modo saggio sulla linea, sul peso e sullo stato di salute. Giovedì 11 gennaio  NUTRIZIONISTA IN FARMACIA Piano alimentare personalizzato per: Soggetti in sottopeso, sovrappeso ed